La suggestione del ladino incrocia note jazz e blues 

Val di Fassa. Prende il via oggi, in varie affascinanti location fra le montagne locali, la rassegna Panorama Music che in questa edizione si focalizza sulle lingue minoritarie, con artisti fassani 

di Gilberto Bonani

Moena. La sesta edizione della rassegna musicale Panorama Music in Val di Fassa prende il via oggi e fino al 27 agosto dodici concerti, all'aperto sempre dalle ore 11, saranno incastonati negli scorci più panoramici delle Dolomiti di di Fassa. Sono state selezionate nuove ambientazioni con ampi spazi, per una più facile convivenza con le norme di sicurezza. I contesti naturalistici che faranno da scenografia ai concerti sono la Piana del Fuciade, Col Margherita e Costabella (Passo San Pellegrino), il Buffaure (Pozza di Fassa),il Belvedere (Canazei),il Ciampac (Alba di Canazei), Col Rodella (Campitello di Fassa), il Ciampedie (Vigo di Fassa), Valbona (Alpe Lusia, Moena). Tutti i luoghi sono raggiungibili con gli impianti di risalita e a piedi, permettendo di coniugare l'esperienza musicale con l'attività fisica all'aperto. I concerti, gratuiti, proporranno esplorazioni non solo tra le cime alpine ma anche tra generi musicali: dal jazz (Helga Plankensteiner, Mauro Beggio) alla black music (James Thompson, Leonardo Duranti), dal country (Charlie Cinelli) a curiosi accostamenti geo-musicali (Manuel Randi, Vincenzo Capezzuto e Giancarlo Bianchetti). Particolare attenzione sarà riservata alla musica cantata in lingue minoritarie (Magalí Sare e Sebastià Gris, Silvia Donati, Martina Iori, Stefano Merighi, Massimo Silverio), anche in lingua ladina, con artisti fassani che giocheranno quindi “in casa”. In particolare, la cantautrice Martina Iori avrà l'onore di inaugurare la manifestazione musicale, oggi nella Piana del Fuciade (Passo San Pellegrino) e il 23 agosto toccherà a Stefano Merighi, che con la sua band trasporterà la lingua ladina dentro il blues (Ciampac – Alba di Canazei). Sempre in lingua ladina, ma affidata all'interpretazione della bolognese Silvia Donati (vocalist affermata nel jazz e nella musica brasiliana) sarà il concerto del 13 agosto a Col Margherita (Passo San Pellegrino). La Donati eseguirà "Encresciadum", un programma musicale ispirato a figure e motivi della cultura dolomitica, composto e arrangiato da Roberto Soggetti su testi ladini di Fabio Chiocchetti. Le due anime di Massimo Silverio emergeranno entrambe nel concerto del 19 luglio, in lingua friulana (Belvedere – Canazei). Alla lingua e la cultura catalana sarà dedicato il concerto del 23 luglio con la cantante Magalí Sare e il chitarrista Sebastià Gris, vincitori dell'edizione 2019 del Suns Europe, il festival europeo delle arti in lingue minorizzate (Costabella – Passo San Pellegrino).

©RIPRODUZIONE RISERVATA.