COMANO - IL LUTTO

Addio a Jacopo Reversi, si è spento 29 anni

Lavorava al Ceis e amava il calcio. Ha perso la sua partita contro la leucemia dopo sei mesi di coraggiosa lotta. Lascia la moglie Erika, sposata in dicembre, mamma Wanda e papà Giulio

COMANO TERME. E' grande lo sgomento e il cordoglio a Comano Terme per la scomparsa di Jacopo Reversi, morto di leucemia a 29 anni. Un giovane coraggioso, che aveva scoperto di essere malato in settembre, tornato a casa dalle vacanze, e aveva affrontato il male senza perdersi d'animo, affiancato dalla cara moglie Erika, sposata in dicembre. Aveva promesso a chi gli voleva bene, ai tanti amici e conoscenti che aveva, che ce l'avrebbe fatta e che avrebbe fatto una grande festa una volta guarito.

Purtroppo è andata diversamente. Jacopo è stato costretto ad arrendersi e le speranze di tutti si sono spente con lui. Lascia la famiglia (mamma Wanda di Roncone e papà Giulio, dipendente dell'Associazione provinciale allevatori) nel dolore e una comunità e profondamente commossa.

Jacopo Reversi era un giovane brillante e simpatico. Lavorava al Ceis, il consorzio elettrico giudicariese, dove era entrato a soli 22 anni, ed era riuscito nel contempo ad ottenere la laurea magistrale in finanza. Prima di frequentare Economia aveva fatto le superiori all'Istituto d'istruzione don Guetti di Tione.

Era anche un grande appassionato di calcio ed era stato portiere del Comano che guadagnò il passaggio in Promozione, nel 2010.

Domani, lunedì 23 aprile, il funerale nella parrocchiale di Santa Croce del Bleggio, dove si attende la partecipazione di una grande folla per stringersi attorno alla famiglia e farle sentire tutta la propria vicinanza e solidarietà.