GLI AIUTI

Coronavirus, misure specifiche per l'Alto Adige nel Decreto Cura Italia

Sostegno ai lavoratori disoccupati e alle aziende, oltre i 35 mila euro già previsti per le imprese medio-grandi. Il senatore Dieter Steger ha illustrato in collegamento da Roma le decisioni del Senato sul Coronavirus. Presenti alla conferenza stampa da Bolzano il presidente Kompatscher e l’assessore Widmann

BOLZANO. Le decisioni che possono essere adottate in Alto Adige per fronteggiare il Coronavirus dipendono, in larga misura, dalle decisioni adottate dal Governo.

I passi adottati a livello nazionale sono stati  illustrati, nel corso del punto media virtuale di oggi, giovedì 9 aprile, in collegamento video da Roma dal senatore Dieter Steger. 

Il Decreto Cura Italia è passato con voto di fiducia. Sono state inserite misure specifiche per l'Alto Adige, soprattutto in campo di fondo bilaterale di solidarietà, per sostenere i lavoratori senza lavoro. Le prestazioni nazionali potranno essere integrate a livello provinciale.

Inoltre è posssibile utilizzare subito l'avanzo libero della Provincia, che ammonta a 200 milioni di euro.

Prevista una garanzia statale/regionale per i finanziamenti connessi dalle banche alle imprese medie e grandi che superano i 35 mila euro già annunciati. Questo per quanto riguarda la liquidità.

I criteri per il sostegno alle piccole imprese arriverà invece al vaglio del consiglio provinciale.

 

Presenti alla conferenza stampa virtuale il presidente della Provincia, Arno Kompatscher, l’assessore alla salute, Thomas Widmann ed il direttore generale dell’Azienda sanitaria, Florian Zerzer.