Bus, l’appello dei noleggiatori: «I nostri mezzi sono sicuri»

Trento. Si è svolto ieri l’evento di sensibilizzazione #pullmansicuro, promosso dagli Autonoleggiatori dell’Associazione Artigiani. Un pullman è partito dalla sede dell’associazione in via Brennero...

Trento. Si è svolto ieri l’evento di sensibilizzazione #pullmansicuro, promosso dagli Autonoleggiatori dell’Associazione Artigiani. Un pullman è partito dalla sede dell’associazione in via Brennero con a bordo il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e l’assessore al turismo Roberto Failoni, insieme ad altre autorità. L’obiettivo era quello di promuovere il trasporto a bordo dei pullman privati, dichiarati “covid free” dai promotori dell’iniziativa, come conferma il presidente Autonoleggiatori Paolo Maffei: «I pullman vengono igienizzati due volte al giorno e sanificati in profondità una volta in settimana con macchine all’ozono. L’aria è costantemente prelevata dall’esterno per assicurare il ricircolo. I passeggeri devono limitarsi a portare la mascherina e igienizzarsi le mani prima di salire a bordo. Non ci sono più limiti di posti e viaggiamo con capienza al 100%». Maffei ha evidenziato la crisi del settore: «Abbiamo 186 aziende con 900 lavoratori, molti in cassa integrazione. I nostri 450 pullman turistici si muovono al 10% del loro potenziale». Segnale del crollo drastico della tradizionale clientela turistica: «I pullman vengono noleggiati soprattutto dai turisti stranieri, che però non ci sono». Maffei vuole allontanare lo spettro dei licenziamenti: «Gli autisti di pullman sono esperti che si formano in anni di pratica professionale, non possiamo perderli». L’associazione chiede un aiuto alla politica provinciale, puntando sul trasporto scolastico: «Siamo a disposizione per concordare un piano di integrazione dei bus del servizio pubblico, se non bastasse la flotta di Trentino Trasporti. Ne abbiamo parlato con i vertici provinciali, si sono detti interessati». Presente a bordo del pullman, l’assessore Failoni ha ribadito il sostegno alla categoria: «Cerchiamo delle risposte per tornare alla normalità. La sicurezza è la carta essenziale da giocarsi in questa fase, anche per chi vuole venire in vacanza in Trentino». Il presidente Fugatti rassicura: «In questo momento la situazione sanitaria del Trentino ci consente di usare senza timore questi mezzi. Diamo un messaggio di sostegno al trasporto pubblico e privato». F.P.