l'operazione

Abbigliamento, Montura passa al gruppo Herno dei piumini di lusso

Il creatore del marchio roveretano dell’abbigliamento di montagna Roberto Giordani ha ceduto gli asset rilevanti del settore

TRENTO. Roberto Giordani, creatore del marchio Montura (nato nel 2000 a Rovereto), ha ceduto gli asset rilevanti del settore abbigliamento e la catena retail del gruppo Tasci (Montura) al Gruppo Herno spa (azionista di maggioranza) e alla holding di investimento Nuo spa.

L'operazione - informa una nota di Montura - si perfezionerà a gennaio 2022. Alla guida della nuova società ci sarà Claudio Marenzi, attuale ceo nonché proprietario di Herno spa, appassionato di sci alpinismo e affezionato cliente Montura sin dalla sua fondazione.

"La passione per la montagna e i valori condivisi dai due imprenditori - si legge nella nota - sono il collante di questa operazione che prevede per Montura la continuità ed un futuro di crescita e sviluppo, con particolare attenzione ai mercati esteri. In questo contesto è fondamentale il ruolo del partner Nuo spa (il cui ceo è Tommaso Paoli che, grazie al network ed alle risorse dei suoi due azionisti Exor e WWIC, valorizza le eccellenze italiane nel loro percorso di internazionalizzazione”.

"Sempre all'insegna della continuità, l'attività di comunicazione valoriale, caposaldo dei progetti di solidarietà e cultura Montura Editing - conclude la nota - verrà svolta da una fondazione che ne proseguirà l'attività con Roberto Giordani impegnato in prima persona con la carica di presidente”.

"Siamo da sempre nel segmento "luxury casual" con Herno, e da oltre un decennio nel "fashion technology" con Laminar: oggi, con Montura, entriamo nel segmento "active" dice Marenzi, spiegando che "in futuro il prodotto active ricoprirà una parte sempre più importante nel mercato. Il potenziale di Montura è enorme", dichiara Marenzi.
"Ammetto che alla base di questa operazione - racconta Marenzi - c'è prima di tutto la passione. Faccio alpinismo da fine anni 70, ho comprato il primo vertigo di Montura nel 2001, ho conosciuto Roberto nel 2016 e, pur venendo da esperienze diverse, abbiamo condiviso gli stessi valori imprenditoriali, concordi che la funzione di creare e ridistribuire ricchezza è imprescindibile".