Promozione diretta sfiorata, per la Delta c’è la semifinale 

A2 femminile. Trento vince anche a Mondovì e sogna il sorpasso ai danni della Bartoccini Perugia, che invece la spunta al tie break a Orvieto. Con le due squadre appaiate in testa alla classifica passano alla serie superiore le umbre in virtù di una vittoria in più delle gialloblù

Mondovì (cuneo). Non basta una Delta Informatica Trentino spettacolare per centrare la promozione diretta in serie A1. La formazione di Nicola Negro vince e convince sul difficilissimo campo piemontese di Mondovì ma la contestuale vittoria di Perugia al tie break nel derby contro Orvieto non permette alle gialloblù di centrare la promozione in A1. La Delta Informatica chiude al secondo posto la pool promozione per il minor numero di vittorie ottenute rispetto a Perugia e approda ai playoff, dove sfiderà in semifinale la vincente della serie dei quarti tra Soverato e Caserta.

Nona sinfonia Delta

Una vittoria in rimonta che vale la nona sinfonia consecutiva. Top scorer dell’incontro la schiacciatrice Fiesoli, autrice di 23 punti con il 49%, ma da menzione la prestazione di una strepitosa Ilenia Moro, onnipresente in difesa e molto positiva in ricezione con il 71% di positive. Nelle file piemontesi non servono i 16 punti dell’oppostona Zanette ed i 12 punti dell’ex Rebora, eletta miglior giocatrice.

Parte forte Mondovì

Negro, orfano della sola Baldi, si affida al sestetto visto all’opera di recente, con Moncada al palleggio, Giorgia Mazzon opposto (in staffetta con Mason), McClendon e Fiesoli laterali, Fondriest e Furlan al centro e Moro libero. Parte forte la formazione di casa trascinata dalla ex Rebora che con tre punti di fila: due attacchi ed un muro su Furlan riesce ad allungare sul +4 (10-6) costringendo Negro a fermare il gioco. La Delta Informatica non riesce a trovare lucidità e tranquillità nel proprio gioco a differenza delle piemontesi che, punto dopo punto, si esaltano sempre più con difese spettacolari e contrattacchi vincenti (16-9). Nicola Negro prova a giocarsi la carta Mason per Mc Clendon nel tentativo di aggiustare la ricezione ma il trio di palla alta monregalese non cala ritmo e intensità chiudendo senza troppi patemi la prima frazione di gioco (25-14).

Fiesoli suona la carica

Dopo un inizio a rilento anche nel secondo parziale di gioco (6-3) la Delta Informatica trova in Fiesoli una valida soluzione. La schiacciatrice numero 14 prende per mano la sua squadra e con 4 punti consecutivi porta la Delta Informatica avanti nel punteggio (8-9). Poco dopo è il turno al servizio di Moncada a portare le trentine sul +4 (11-15). La formazione di Nicola Negro inizia a giocare la propria pallavolo, Moro in ricezione e difesa diventa leader e McClendon in attacco non sbaglia. La parola fine al secondo set la mette l’ace di Furlan (17-25).

Le piemontesi s’arrendono

Delmati, coach piemontese, parte con Valli schiacciatrice al posto di Biganzoli infortunatasi al ginocchio ma è nuovamente Rebora a fare la voce grossa ad inizio frazione (5-2). La Delta Informatica Trentino non è mai doma e, dopo un attacco magistrale di Moncada, prende entusiasmo (5-6). La ricezione di Mondovì cala a livello di efficienza e viene ben presto punita dai servizi float di Fondriest e Moncada che portano in casa Delta due importantissimi break point (7-13). La carica in casa Mondovì prova a suonarla la neoentrata Valli ma, dopo un accenno di rimonta (15-17), ci pensa un muro di Mazzon su Schlegel a riportare le due squadre a debita distanza (17-21). Fiesoli con una parallela vincente porta il terzo set in casa Delta Informatica Trentino (21-25).