Atletica

3.000 siepi: la Mattuzzi migliora (9’50”60) e “vede” gli Europei

La 23enne roveretana ha abbassato sensibilmente il proprio primato a Lucerna 

TRENTO. A Lucerna Isabel Mattuzzi sgretola il proprio primato personale (e record trentino) nelle siepi scendendo a 9’50”60, riferimento che le potrebbe garantire l’azzurro agli Europei di Berlino. La 23enne roveratana si è migliorata nettamente al Meeting Spitzenleichtathletik per togliere oltre 7 secondi al primato personale, realizzato nella passata stagione (9’57”68 agli Europei Under 23 di Bydgoszcz).

Ora la giovane mezzofondista di Rovereto è la sesta italiana di sempre sulla distanza. Appena due giorni fa, nei campionati regionali ad Arzignano (Vicenza), la portacolori dell’Us Quercia Trentingrana si era fatta notare correndo 10’00”60 in solitaria. A Lucerna invece ha chiuso quinta nella gara vinta dalla keniana Caroline Tuigong in 9’32”61. Il risultato di Lucerna potrebbe valere alla Mattuzzi la convocazione in azzurro ai prossimi Europei di Berlino: il minimo è infatti fissato a 9’55, con la Fidal a richiedere un migliore 9’48, con deroga per gli Under 25 in possesso di credenziali comprese tra i due riferimenti. Le chance di vedere la Mattuzzi nella capitale tedesca dunque ci sono e non resta che attendere le scelte dei direttori tecnici azzurri.