La più comune patologia ormonale, aumenta il rischio di ansia nelle donne

La sindrome dell'ovaio policistico, la più comune patologia ormonale femminile, aumenta il rischio di problemi mentali nelle donne che ne soffrono. Lo afferma uno studio dell'università di Cardiff pubblicato dal Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, secondo cui ci sono effetti anche sulla salute mentale di eventuali figli.    I ricercatori hanno esaminato i dati di 17mila donne a cui era stato diagnosticato il problema, che secondo il sito del ministero della Salute colpisce il 5-10% delle donne, mettendoli a confronto con quelli di altrettante donne sane. Dallo studio è emerso che chi soffre del problema ha una probabilità più alta di depressione (il 23,1% contro il 19,3%), di ansia (11,9% contro 9,3%) e di disturbo bipolare (3,2% contro 1,5%). Per i figli delle donne del primo gruppo inoltre si è visto un leggero aumento del rischio di autismo e di disturbo da deficit di attenzione. "La sindrome è associata con i problemi psichiatrici della donna e dei figli - concludono gli autori -. sarebbe opportuno considerare l'idea di fare degli screening per queste patologie una volta fatta la diagnosi del problema ovarico".(ANSA).