Autismo:'il sistema L'Aquila',esperti e famiglie a confronto

(ANSA) - L'AQUILA, 11 APR - "Autismo e disabilità grave: il sistema L'Aquila" è il titolo dell'incontro che si terrà domani, giovedì 12 aprile all'Aquila, nella sala conferenze del Rettorato Gssi, promosso dalle associazioni 'Autismo Abruzzo onlus', 'Prima L'Aquila', 'L'Aquila che vorrei' e 'Benvenuto Presente'. L'intento è tracciare le azioni del prossimo futuro a vantaggio delle famiglie con autismo per giungere all'avvio del "Durante e Dopo di Noi". Sarà dato ampio spazio alla discussione e agli interventi del pubblico in sala e dei partecipanti collegati online che potranno fruire dell'evento grazie alla diretta streaming. Saranno trattati gli aspetti diagnostici, attraverso l'analisi dei recenti criteri di classificazione diagnostica dell'autismo contenuti nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM 5), e quelli legati alla terapia psicologica riabilitativa, sia nei tratti socio comunicativi sia nelle alterazioni comportamentali, passando per la teoria della mente e neuroni specchio; nonché l'aspetto clinico, didattico, sociale e familiare.    "I bambini che ne sono affetti vengono descritti come distanti dagli altri, silenziosi e affascinanti, con un retroscena misterioso. Sono 'vagabondi tra le stelle', a sottolineare la perdita di contatto con la realtà e la mancata costruzione dell'intersoggettività. Il rientro da questo viaggio tra le stelle rappresenta l'acquisizione della cognizione sociale che implica la capacità di provare emozioni, affetti e desideri fino a quel momento a loro sconosciuti". Interverranno, tra gli altri, la professoressa Monica Mazza dell'Università dell'Aquila, il professor Marco Valenti, responsabile del Centro di Riferimento Regionale Autismo (Crra), il direttore del Dipartimento di Salute Mentale, Alessandro Rossi, il manager della Asl, Rinaldo Tordera, e il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi. (ANSA).