Anm, no a riforme punitive e emozionali

Inaccettabili interventi che siano esito di una contingenza

ROMA

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Nella riforma della Giustizia del ministro Bonafede ci sono aspetti "positivi", ma anche interventi che tradiscono "una visione delle criticità del processo penale punitiva per la magistratura". L'Anm torna a criticare la riforma, che costituisce "una risposta emozionale" alla bufera che ha investito la magistratura. "Non accettiamo riforme che siano l'esito di una contingenza drammatica" ha detto il presidente Luca Poniz al Comitato direttivo centrale dell' Anm.