Maratona Londra, vince keniano Kipchoge

(ANSA) - ROMA, 22 APR - Il keniano Eliud Kipchoge ha vinto, per la terza volta, la maratona di Londra. Secondo è giunto il britannico Mo Farah, terzo a sorpresa l'etiope Tola Shura Kitata. Con temperature intorno ai 23 gradi, è stata l'edizione più calda di sempre. Kipchoge era in corsa per un nuovo record mondiale ma nel finale, proprio a causa dell'alta temperatura, ha rallentato, tagliando il traguardo con il tempo di due ore, quattro minuti e 16 secondi, 79" più lento del primato appartenente al suo connazionale Dennis Kimetto. Kitata ha chiuso a 33 secondi di distanza. Farah ha tenuto il passo dei migliori per gran parte della gara, ma ha accumulato un distacco di due minuti e 5" dal vincitore. Il tempo di 2h6'21" gli è comunque bastato a battere il record britannico che apparteneva a Steve Jones. Il...

Gallerie

Maratona Londra, vince keniano Kipchoge

(ANSA) - ROMA, 22 APR - Il keniano Eliud Kipchoge ha vinto, per la terza volta, la maratona di Londra. Secondo è giunto il britannico Mo Farah, terzo a sorpresa l'etiope Tola Shura Kitata. Con temperature intorno ai 23 gradi, è stata l'edizione più calda di sempre. Kipchoge era in corsa per un nuovo record mondiale ma nel finale, proprio a causa dell'alta temperatura, ha rallentato, tagliando il traguardo con il tempo di due ore, quattro minuti e 16 secondi, 79" più lento del primato appartenente al suo connazionale Dennis Kimetto. Kitata ha chiuso a 33 secondi di distanza. Farah ha tenuto il passo dei migliori per gran parte della gara, ma ha accumulato un distacco di due minuti e 5" dal vincitore. Il tempo di 2h6'21" gli è comunque bastato a battere il record britannico che apparteneva a Steve Jones. Il 4 volte campione olimpico gareggiava nella sua prima maratona dopo il ritiro dalla pista. Anche tra le donne, ma su un percorso diverso, la vittoria è andata al Kenya grazie alla campionessa olimpica dei 5.000 metri Vivian Cheruiyot.

Nicaragua: almeno 25 morti, Ortega pronto a trattare

Il presidente del Nicaragua Daniel Ortega ha detto che il suo governo è pronto ad avviare negoziati sulla riforma del sistema pensionistico nazionale che ha scatenato violenti scontri nel Paese provocando la morte, secondo le ultime stime, di almeno 25 persone, incluso un giornalista, da mercoledì scorso. L'ultimo bilancio delle vittime lo ha fornito il gruppo Cenidh che si batte per i diritti umani in Nicaragua. In un intervento trasmesso dalle tv nazionali, Ortega ha detto ieri di essere aperto ai negoziati in modo che "non ci sia più terrore per le famiglie nicaraguensi", sottolineando però che il dialogo avverrà solo con i rappresentanti del mondo imprenditoriale e non con altri settori della società. Ortega ha inoltre cercato indirettamente di giustificare il pesante intervento della polizia affermando che i dimostranti - gran parte dei quali sono studenti universitari - vengono manipolati da una non meglio specificata "minoranza" di interessi politici e sono stati infiltrati da gruppi criminali.

Kamikaze in centro elettorale a Kabul, almeno 9 morti

Un kamikaze si è fatto esplodere in un centro elettorale allestito in una scuola a Kabul uccidendo 9 persone e ferendone altre 56. Lo riferisce il portavoce del ministero dell'Interno. L'attentato è avvenuto nella scuola Asif Mael tra le persone in fila per registrarsi in vista delle elezioni del 20 ottobre. Dalla scuola, hanno riferito testimoni oculari, sono state viste uscire numerose allieve in lacrime. Una di esse ha postato su un social network la foto di quattro cadaveri a terra vicino ad alcune auto danneggiate. (ANSA).

BOLZANO

Festival studentesco di Bolzano, vince il Torricelli

E' il liceo Torricelli il trionfatore del Festival studentesco di Bolzano, andato in scena in un caldissimo Palaresia sold out. Secondi d'un soffio i ragazzi del Galilei, terzi quelli del Liceo Carducci. Il resto della classifica: 4) Liceo Rainerum, 5) Liceo Pascoli, 6) Gymnasium Walther von der Vogelweide, 7) Ite Battisti, 8) Itas Pertini, 9) Realgymnasium, 10) Liceo Marcelline, 11) Ritz Merano, 12) Liceo Toniolo, 13) IisBressanone, 14) Kunter, 15) Ipsct De Medici. Ecco le immagini della memorabile serata (foto Matteo Groppo)

Nicaragua: almeno 25 morti, Ortega pronto a trattare

Il presidente del Nicaragua Daniel Ortega ha detto che il suo governo è pronto ad avviare negoziati sulla riforma del sistema pensionistico nazionale che ha scatenato violenti scontri nel Paese provocando la morte, secondo le ultime stime, di almeno 25 persone, incluso un giornalista, da mercoledì scorso. L'ultimo bilancio delle vittime lo ha fornito il gruppo Cenidh che si batte per i diritti umani in Nicaragua. In un intervento trasmesso dalle tv nazionali, Ortega ha detto ieri di essere aperto ai negoziati in modo che "non ci sia più terrore per le famiglie nicaraguensi", sottolineando però che il dialogo avverrà solo con i rappresentanti del mondo imprenditoriale e non con altri settori della società. Ortega ha inoltre cercato indirettamente di giustificare il pesante intervento della polizia affermando che i dimostranti - gran parte dei quali sono studenti universitari - vengono manipolati da una non meglio specificata "minoranza" di interessi politici e sono stati infiltrati da gruppi criminali

LE FOTO

Rovereto, abbattuti tra le proteste gli alberi di viale Trento

Gli alberi di viale Trento a Rovereto sono stati abbattuti tra le proteste. Il blitz è scattato alle 5 del mattino con una squadra di tecnici arrivati per compiere le operazioni, assieme alle forze dell'ordine. Ma all'alba hanno trovato anche i residenti che hanno duramente contestato l'operazione di taglio, durata alla fine oltre quattro ore, tanto che alcuni di loro si sono arrampicati sugli alberi. La tensione era palpabile nell'aria: ieri i contestatori avevano fatto una scritta di minacce sull’asfalto sotto casa del sindaco di Rovereto Francesco Valduga (foto Matteo Festi)

Cinema:Favino apre Bif&st,a Sanremo mostrato tutto me stesso

BARI - "Io penso sia stato il festival" di Sanremo "a far parlare di Pierfrancesco Favino", e "mi sono reso conto che c'erano tante cose che sapevo di poter fare e che non avevo mai mostrato". Favino, attore che ha aperto la nona edizione del Bif&st, il Bari international film festival, ne ha parlato con i giornalisti a margine della sua lezione di cinema. "Non credo - ha aggiunto - a quel vittimismo che porta l'attore a dire ma come mai le persone non vedono questo. Le persone vedono ciò che tu fai vedere di te". Quindi Sanremo, ha rilevato, "è stata una esperienza e un'occasione molto giocosa di essere me stesso con un raggio più ampio". "Sanremo - ha sottolineato Favino - mi ha dato una grande opportunità", che è "soprattutto quella di arrivare a un pubblico che forse non va al cinema e quindi, magari, di riuscire a portarlo al cinema domani". Tra il cinema hollywoodiano e italiano, Favino vede una differenza "di scala, fondamentalmente", perché il "cinema hollywoodiano muove economicamente tanto nel mondo, vende dappertutto nel mondo", mentre "il cinema italiano lo faceva un tempo e adesso non riesce più tanto, anche perché tutto il mondo si è uniformato all'idea che il linguaggio sia quello del cinema americano". "In realtà - ha rilevato - se vediamo quelle che sono ultimamente le proposte, non c'è una ricchezza enorme dal punto di vista di storia, anzi. C'è un momento di crisi importante da questo punto di vista nel cinema americano". "Io - ha aggiunto - sono sempre più convinto del fatto che sono stato chiamato lì in quanto italiano, perché porto qualcosa di culturalmente diverso". E le "varie piattaforme, anche americane, che stanno in questo momento producendo - ha proseguito - sono ben attente ad accogliere attori e storie che vengano da tutto il mondo, e questo credo sarà il futuro". "Quindi - ha concluso - possiamo organizzarci ed essere fieri di quello che sappiamo portare noi, e di quello che non sanno fare loro".

Basket: playoff Nba, Indiana rimonta e vince,ora 2-1 su Cavs

(ANSA) - ROMA, 21 APR - Nuovo turno dei playoff Nba questa notte. Gli Indiana Pacers hanno battuto i Cleveland Cavaliers 92-90 e si sono portati sul 2-1. Risultato un pò inatteso, ma forse non del tutto, visto che i Cavs in questa stagione hanno avuto un andamento altalenante che si sta confermando anche nei playoff. Cleveland a metà gara era avanti di 17 punti sui rivali, poi c'è stata la rimonta, nonostante un buon Lebron James, per lui 28 punti e 12 rimbalzi, e il sigillo sulla 100ma doppia 'doppia' nei playoff. Con questa sconfitta i Cavs vanno sotto 1-2 nel conto della serie e sono costretti a inseguire. Nella seconda gara i Toronto Raptors hanno perso con i Washington Wizards 122-103, questi ultimi quindi hanno accorciato le distanze dopo che nelle prime due gare i canadesi dominatori della stagione avevano avuto vita facile. Vittoria casalinga e distanze accorciate in gara 3 anche per i Milwaukee Bucks, che hanno sconfitto i Celtics per 116-92. Ora Boston conduce 2-1. (ANSA).