Gallerie

Cile: anniversario golpe, migliaia nello stadio dell'orrore

Migliaia di persone hanno reso un emotivo omaggio ieri sera ai detenuti che 45 anni fa, dopo il golpe del generale Augusto Pinochet, furono rinchiusi nello Stadio Nazionale di Santiago del Cile, trasformato dalle Forze armate in campo di detenzione e tortura. I partecipanti hanno attraversato i corridoi e gli spogliatoi in cui per molte settimane sono stati segregati 7.000 prigionieri politici, fra cui anche 300 stranieri, simpatizzanti del governo di Unidad Popular del deposto presidente socialista Salvador Allende. In occasione di questo evento, il principale campo sportivo cileno è stato illuminato con candele, mentre numerosi artisti hanno riproposto le canzoni emblematiche con cui il mondo della cultura appoggiò il processo politico guidato da Allende. Un momento particolarmente emozionante per i presenti è stato quando il gruppo Illapù ha intonato 'Vuelvo' (Torno), un inno per le migliaia di esiliati che furono costretti ad abbandonare il Cile o a cui non fu permesso più di rientrare in Patria, come accaduto con questo famoso gruppo di musica andina. (ANSA).

Calcio: Argentina all'asciutto contro la Colombia

E' finita senza reti, la sfida di East Rutherford (Stati Uniti), fra Argentina e Colombia. Sempre priva di Leo Messi, ma con Mauro Icardi in campo 85', la squadra guidata dall'ex laziale Lionel Scaloni è rimasta a bocca asciutta. Il ct al 54' ha anche trovato posto a Paulo Dybala, subentrato a Palacios: pure lo juventino, protagonista di un inizio di stagione non proprio esaltante, però, è rimasto a bocca asciutta. Ieri sera il fratello dello juventino, Gustavo, si era scagliato contro la Federcalcio argentina e lo stesso Scaloni, scrivendo - in un tweet a dir poco polemico - "visto che con te non possono vincere soldi, allora non ti faranno giocare". Venuto a sapere che Paulo non sarebbe stato titolare nemmeno, nell'amichevole contro la Colombia, Gustavo Dybala non si è trattenuto, attaccando l'Afa. (ANSA).

Ottavia Piccolo con fazzoletto Anpi,io 'bloccata' da polizia

(ANSA) - VENEZIA, 11 SET - Bloccata da un agente di polizia che ha avuto da ridire sul fatto che indossasse un fazzoletto dell'Anpi al collo, dopo che aveva partecipato a un volantinaggio nei pressi del Palazzo del Cinema del Lido di Venezia. L'episodio, da lei definito "ridicolo", è avvenuto sabato scorso nella giornata conclusiva della Mostra, è stato riferito oggi da La Nuova Venezia e confermato all'ANSA da Ottavia Piccolo, che ne è stata protagonista. "Avevo aderito - ha detto l'attrice - a una manifestazione contro le morti sul lavoro vicino al Palazzo del Cinema. Non era una protesta di partito, era stata autorizzata dalle autorità comunali, stavamo facendo un semplice volantinaggio. A un certo punto mi sono spostata per andare verso il Palazzo ma un agente mi ha fermata e ha detto che 'con questo fazzoletto' non sarei potuta passare nella 'zona rossa'. E' arrivato un funzionario, poi un altro, e infine mi hanno lasciato passare. Gli ho risposto che sarei passata comunque". "Dispiace - ha commentato Ottavia Piccolo - che questo sia successo al Lido, dove abito da anni e conosco un po' tutti. Pare evidente che qualcuno non conosce l'Anpi, e un po' questo mi dispiace", ha concluso. (ANSA).

Oktoberfest alla trentina: dal 14 settembre al 7 ottobre si brinda su 65 mila metri quadri

In piazza Duomo è stata aperta una botte in stile “o’zapft is” per brindare alla Kermesse giunta alla 7a edizione. Nuova location, a trento sud in località san Vincenzo, e molto più spazio per il divertimento, oltre 65.000 mq; nuovo family luna park e nuovo street food garden, doppia tendostruttura con musica folk e disco e gastronomia tipica. (foto agenzia Panato e Ufficio Stampa Trento e la Baviera)

Aumenta fame nel mondo, 821 milioni le persone colpite

(ANSA) - ROMA, 11 SET - La fame nel mondo cresce: nel 2017 il numero di persone denutrite è aumentato toccando 821 milioni di persone, circa una su nove, tornando ai livelli di quasi dieci anni fa. E' quanto emerge dal nuovo rapporto 'Lo stato di sicurezza alimentare e nutrizione nel mondo', presentato dalle agenzie delle Nazioni Unite, Fao, Ifad, Pam Unicef e Oms. Si registrano incrementi in quasi tutte le sotto regioni dell'Africa, così come in Sud America; situazione stabile invece nella maggior parte delle regioni dell'Asia. (ANSA).

F1: addio Ferrari a Raikkonen, Leclerc nuovo pilota 2019

(ANSA) - ROMA, 11 SET - Dopo l'addio al finlandese Kimi Raikkonen, che lascerà Maranello al termine della stagione 2018, la "Scuderia Ferrari comunica che, nella prossima stagione agonistica di Formula 1, Charles Leclerc affiancherà Sebastian Vettel nel ruolo di pilota ufficiale". Così una nota apparsa sul sito ufficiale della scuderia emiliana.

Calcio: Maradona allenatore squadra serie B in Messico

Nuova avventura professionale per Diego Maradona che ieri è stato presentato ufficialmente a Culiacán, in Messico, come tecnico di un club di serie B: Dorados di Sinaloa. In una conferenza stampa l'ex nazionale argentino e attaccante del Napoli ha assicurato che "sono venuto qui a lavorare, a lasciarvi il mio cuore". Ed ha aggiunto: "Con i miei collaboratori non siamo venuti né in vacanza, né a passeggio. Siamo venuti a lavorare, a dare una mano ai giocatori, ma abbiamo bisogno che la gente stia dalla nostra parte. E sarà difficile batterci". L'obiettivo non facile di Maradona sarà quello di rivitalizzare la squadra, che attualmente naviga al penultimo posto della classifica, senza avere ancora mai vinto neppure una partita. Fiduciosi nelle doti del 'Pibe de oro', i dirigenti avrebbero stanziato, secondo indiscrezioni, uno stipendio mensile di 150.000 dollari, per un contratto che durerà undici mesi. Con accanto il presidente dei Dorados, Antonio Núñez, l'ex calciatore argentino ha "ringraziato la gente dei Dorados per avere fiducia in me. Ho avuto molti problemi nella mia vita e assumo questa responsabilità come chi prende fra le sue braccia un bambino". Come monito allusivo all'eventuale uso di sostanze stupefacenti da parte degli atleti, Maradona ha ricordato che "15 anni fa io mi sono messo dietro le spalle una malattia, perché la gente diceva che il doping mi stava consumando. Quando io mi drogavo - ha sottolineato con voce grave - era un passo indietro, mentre quello che deve fare un calciatore è andare avanti". Qualche ora dopo la conferenza stampa, il nuovo tecnico dei Dorados ha diretto il suo primo allenamento nello Stadio Banorte, alla presenza di centinaia di tifosi, per i quali la presenza di Diego significa riaccendere la speranza di un futuro migliore per la squadra.