in regione dati positivi per il 2017 

Turismo a mille ed export, l’economia riprende quota

TRENTO. Nel corso del 2017 l’economia delle Province di Trento e Bolzano ha manifestato un rafforzamento che ha investito tutti i diversi settori economici.Trainati dalla vivacità dei flussi...

TRENTO. Nel corso del 2017 l’economia delle Province di Trento e Bolzano ha manifestato un rafforzamento che ha investito tutti i diversi settori economici.

Trainati dalla vivacità dei flussi turistici e delle esportazioni, si sono messi in evidenza in particolare i comparti dei servizi commerciali e del manifatturiero. Risultati positivi si sono registrati nel fatturato, sostenuto dalla domanda sia interna che estera. Ciò ha di conseguenza favorito un rilancio degli investimenti cui le imprese hanno fatto fronte ricorrendo anche a liquidità interne accumulate, motivo per il quale i prestiti bancari alle imprese hanno segnato una sostanziale stabilità della loro dinamica. In netta accelerazione, invece, il credito alle famiglie sia sul fronte dei mutui per l’acquisto di abitazioni che del credito al consumo. Questa l’analisi congiunturale Abi che delinea un quadro nitido in vista dell’incontro di oggi a Bolzano, nuova tappa degli Incontri sul Territorio. L’iniziativa è stata avviata per raggiungere i territori, attraverso un modello di partecipazione diretta, e “spiegare” da vicino cosa fanno ogni giorno le banche per il Paese.

Sulla base dei dati locali più aggiornati sul 2017 si evidenzia che dal lato dei prestiti alle famiglie la Provincia di Bolzano segna un incremento del 6% e quella di Trento del 2,7%, per le imprese una sostanziale stabilità rispetto all’anno precedente.

La qualità del credito è migliorata in entrambe le province, con un calo delle sofferenze. Ne consegue un rapporto sofferenze lorde/impieghi intorno al 7,6% con un ammontare di 3,1 miliardi di euro. Buono l’andamento dei depositi segno di una costante fiducia dei risparmiatori. Quelle delle famiglie in particolare, che costituiscono oltre il 70% del totale, sono cresciuti del 6,5% in Trentino e del 3,2% in Alto Adige. La struttura del settore bancario regionale, a fine 2017, vede attive sul territorio 78 banche (51 nella Provincia di Bolzano e 27 in quella di Trento) per un totale di 789 sportelli (352 nella provincia di Bolzano e 437 in quella di Trento).

Gli Atm (sportelli bancomat) sparsi sul territorio sono 1.125 unità; i Pos (apparecchiature necessarie per pagare con il Bancomat direttamente nei negozi) 52.013. Nella regione i lavoratori bancari sono il 2,2% del totale nazionale di settore poco superiore alle 286.000 unità. I dati emersi dall’analisi dell’Abi sono univoci a indicare un importante potenziamento dell’andamento economico in regione.