«Fiere, entro il 2023 il nuovo polo di Riva» 

La promessa dell’assessore Failoni alla presentazione della nuova edizione di Expo Riva Schuh. Rossi: «Soldi già stanziati da noi»

di Fabio Peterlongo

TRENTO. La giunta Fugatti riparte da quanto già promesso dal precedente esecutivo (con soldi, per altro già impegnati) e rilancia l'ampliamento - atteso ormai da molti anni - dell'area congressi di Riva del Garda. Lo ha annunciato l'assessore al Commercio Roberto Failoni durante la conferenza stampa che ha presentato ieri la 91esima edizione di Expo Riva Schuh (12-15 gennaio, Riva Fierecongressi). In tutto parliamo di 43 milioni. Un annuncio che ha irritato l’ex governatore Rossi che ieri ha voluto precisare: «Apprendo con sorpresa che Failoni vuole ampliare un nuovo polo fieristico di Riva, perché per quello esistente i soldi li aveva già messi a disposizione e impegnati la mia giunta».

Dal canto suo il presidente di Riva Fierecongressi Roberto Pellegrini ha constatato la necessità di un ampliamento degli spazi: «Vogliamo aggiungere agli attuali 32mila metri quadri altri 12mila. Questo consentirà alle manifestazioni principali, come Expo Riva Schuh e Expo Riva Hotel, di offrire agli espositori spazi più confortevoli per fare business».

I NUMERI

La nuova edizione di (attirerà 1469 espositori da 39 paesi, distribuiti su 32322 mq di superficie espositiva. La manifestazione genera, secondo gli organizzatori, un indotto locale di 24 milioni di euro, con 293 persone impiegate. Laezza, direttore generale di Riva Fierecongressi, ha sottolineato il successo globale della manifestazione: «Siamo primi al mondo nelle calzature di fascia media. 1200 espositori sono stranieri, principalmente da Cina e India». La ragione di questo successo sta proprio nell'attenzione al mercato asiatico, ha spiegato Laezza: «Abbiamo stipulato partnership con le cinque agenzie cinesi con la maggiore produzione di calzature». Pellegrini ha messo in evidenza come i dazi di Trump abbiano inciso positivamente: «I produttori cinesi hanno deciso di sfilarsi dalla fiera di Las Vegas, la nostra principale concorrente. Ha aiutato, ma è il risultato delle ottime relazioni costruite negli anni».

IN ARRIVO NUOVI SPAZI ENTRO IL 2023

La carenza di spazi ha rappresentato, secondo Pellegrini, il problema degli ultimi anni: «Abbiamo raggiunto il limite massimo di espansione. Avevamo trovato un accordo con la giunta Rossi perché stanziasse dei fondi, visto l'indotto della fiera sull'economia locale, ma erano rimasti solo sulla carta». L'assessore Failoni ha annunciato lo sblocco delle risorse di Patrimonio del Trentino: «Diamo il via ai nuovi padiglioni attesi da 12 anni. La Busa sarà un polo fieristico all'avanguardia». L'erogazione pubblica dovrebbe consentire l’ampliamento del Palacongressi con un teatro (28 milioni) e l'estensione delle aree del quartiere fieristico (15 milioni).

GARDABAGS

Dal 12 al 15 gennaio si terrà al Palavela “Gardabags”, la fiera dedicata al mondo degli accessori e della pelletteria. Laezza ha illustrato: «Ci saranno 60 espositori, di cui 33 stranieri, da nove paesi». L'evento inaugurale vedrà la presenza di Carla Gozzi, style coach e volto televisivo che darà “consigli di stile” (domenica 13 gennaio dalle 10 alle 12).