Sul palcoscenico 

Sono poche  ma buone le recite della Cofas

Trento. Con il mese di maggio, anche se quest’anno le stagioni paiono un prendere un po’ in giro, con annunci di primavera in inverno e la neve che cade quando dovrebbero sbocciare le rose, la Cofas...

di Claudio Libera

Trento. Con il mese di maggio, anche se quest’anno le stagioni paiono un prendere un po’ in giro, con annunci di primavera in inverno e la neve che cade quando dovrebbero sbocciare le rose, la Cofas con le sue associate, rallenta il ritmo delle rappresentazioni proposte su tutto il territorio regionale. Considerando che le rassegne organizzate da Filodrammatiche, Associazioni e Gruppi, si sono concluse con le premiazioni, in occasione dell’annuale assemblea, svoltasi al teatro San Marco di Trento, che prevedeva pure il rinnovo del Consiglio direttivo che nella successiva seduta ha poi rieletto presidente Gino Tarter.

Per quanto concerne gli spettacoli sparsi sul territorio, venerdì alle 20.45, al teatro San Pietro di Mezzolombardo, “Assassinio in casa Wilson”, atto unico di Paolo Corsi, con l’Associazione Culturale “Le Voci di Dentro” di Mezzolombardo. La compagnia teatrale nasce nel 2007 a Mezzolombardo come progetto promosso dal Comune in collaborazione con Ritorno al Futuro, cooperativa Kaleidoscopio e sostenuto dal Tavolo di Zona della Piana Rotaliana, con lo scopo di avvicinare giovani ed adulti all’arte teatrale ed alle sue tecniche e di realizzare uno spettacolo. Anno dopo anno, il crescente riscontro di pubblico e le critiche favorevoli hanno dato modo di indirizzare l'attività teatrale verso una sempre maggiore crescita tecnico-artistica al fine di migliorare le peculiarità del gruppo e dei singoli e offrire un'arte di qualità; così nel giugno 2010, viene fondata l'Associazione Culturale “Le Voci di Dentro”, composta da attori e collaboratori volontari. Questa data segna anche l'inizio di un costante impegno verso il territorio collaborando con altre associazioni culturali trentine e l'annuale rassegna teatrale “Comedie a Mezombart” e “Le Voci d'Autunno”. Sabato alle 18, al teatro di Castelnuovo, “Il ritorno in città di Peter Pan”, spettacolo per bambini a cura della Compagnia Teatrale “GeniAttori” di Castelnuovo. Sabato alle 20.30, al teatro “Navalge” di Moena, “Gli Aristo-matti”, il musical, con la Filodrammatica “Lucio Deflorian” di Tesero. Sabato alle 21, al Cinema-Teatro “Dolomiti” di Lavarone, “Nuda e per pochi soldi”, di Loredana Cont, con la Filodrammatica “S. Floriano” di Lavarone. La Filodrammatica nasce nel dopoguerra con lo scopo di raccogliere fondi per il costruendo Oratorio voluto dall’allora arciprete don Andrea Sartori, coadiuvato dal dinamico cappellano don Paolino Desilvestro. Questi era l’animatore della Compagnia, divisa in due gruppi.