FRESCHI DI STAMPA

Deserti Usa e altre storie, il libro di Vasta all’ «Arcadia»

TRENTO. Dalla California fino alla Louisiana, attraversando i deserti di Arizona, Nevada, Texas e New Mexico. Un viaggio on the road, alla ricerca di ghost town e spazi abbandonati del nord-ovest...

TRENTO. Dalla California fino alla Louisiana, attraversando i deserti di Arizona, Nevada, Texas e New Mexico. Un viaggio on the road, alla ricerca di ghost town e spazi abbandonati del nord-ovest degli Stati Uniti. Luoghi svuotati, un tempo centro di comunità. È nato così “Absolutely Nothing. Storie e sparizioni nei deserti americani” (Humboldt – Quodlibet, pp. 296), l’ ultimo libro di Giorgio Vasta che oggi alle ore 19, presso la libreria Arcadia in via Fontana a Rovereto, verrà presentato dal suo autore. Parte di un progetto voluto da Giovanna Silva, direttore editoriale della Humboldt Books, giovane casa editrice specializzata in una narrativa di viaggio che coniuga insieme diverse forme espressive, è costruito su un racconto che si dilata nelle fotografie (non illustrazioni, ma racconto a sua volta) dell'iraniano Ramak Fazel, compagno di viaggio di Vasta, in un procedere straniante, in bilico fra realtà e finzione. Sono state raccolte diverse dimensioni dell’ abbandono in ghost town legate alla mitologia western, in comuni utopiche anarchico-socialiste, villaggi minerari, cimiteri di aerei o gigantesche costruzioni dall'aspetto di astronavi. Luogo del vuoto per antonomasia, il deserto americano appartiene all’ immaginario collettivo del mondo occidentale, ricco com’ è di riferimenti culturali connessi a cinema e letteratura. (m.v.)