L'INTERVENTO

Borgo, spaccio a un passo da scuola: i carabinieri denunciano tre giovani

Il progetto "Scuole sicure" è un’attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici trentini.

TRENTO. I militari della Compagnia Carabinieri di Borgo Valsugana, impegnati in controlli straordinari del territorio, disposti dal Comando Provinciale di Trento, nell’ambito del progetto “Scuole Sicure”, hanno denunciato tre giovani, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Giornalmente i militari dell'Arma, soprattutto negli orari che precedono e seguono l’entrata e l’uscita dalle scuole, effettuano, nelle immediate adiacenze degli istituti scolastici, controlli su persone e mezzi, per scoraggiare questo pericoloso fenomeno dello spaccio di stupefacenti verso giovani o giovanissimi ragazzi.

Nell’ambito di questi controlli, una pattuglia del Nucleo Radiomobile di Borgo Valsugana, in orario di uscita dal Polo Scolastico, ha notato la presenza di tre giovani che si aggiravano ad una cinquantina di metri dalla scuola.

Oltre ad attirare l'attenzione di alcuni studenti, il gruppetto si è fatto notare anche dai Carabinieri, che hanno fatto scattere i controlli.

I tre, S.C. italiano 21enne, O.M.A. tunisino 23enne e B.M. marocchino 29enne, già conosciuti alle forze dell'ordine, sono stati trovati in possesso di 40 grammi tra marijuana ed hashish, nonché di alcuni spinelli già confezionati. Condotti in caserma, sono stati denunciati per spaccio di stupefacenti e segnalati per uso personale.