CIMBRI

Nå in tritt von bolf

“Il ritorno del lupo”, questo il titolo della mostra annuale 2018 del Museo Centro Documentazione Luserna. Apertura 2 aprile 2018
LA NOSTRA PAGINA SULLE MINORANZE

Tra gli animali a forte capacità evocativa, il lupo è senz’altro una delle creature selvagge più affascinanti che ha popolato l’immaginario delle genti che hanno vissuto, o che tuttora vivono, a contatto con questo esemplare.

Protagonista di fiabe e racconti, è uno dei pochi animali che ha caratterizzato ed influenzato la cultura umana, incarnando sia la leggenda dell’essere libero ed inafferrabile, fiero ed autosufficiente, che fantasie e superstizioni che lo identificavano come simbolo del male e terrore dei viandanti.

Dar bolf, a vich boda fin vor zboahundart djar hatt gilebet in di beldar vo schiar da gåntz Euròpa, iz khennt schaüla getöatet un vortgetribet vor a långa zait.

’Z izta khennt geschètzt ke in di djardar ’70 in Beleschlånt soinda no gest gistånt mindar baz 100 bölf. Est mochatndarar soin 1500, schiar dar 17-18 % von bölf vodar gåntz Euròpa. Vo dise vichar dar 15-20 % krapàrt alle djar, daz meararste peng in månnen bodase auzmachan, ånka azza nètt magatn.

In di lestn zen djar, laise laise un ena azta epparùmmaz tüa eppaz, dise billn vichar soin nå zo kheara bidrùmm at di ünsarn pèrng o; vor ditza iz bichte khennense pezzar un bizzan bia sa lem. Nètt alle bizzan bi starch anìagladar bolf iz gipuntet in andarn, bi gearn alle helvan auzügln di djungen un bettane khluage vichar ’z soinz.

Azzar böllt bizzan eppaz mearar, khennt pitt üs „nå in tritt von bolf“ von 2 von abrél in Dokumentationszentrum Lusérn.