TRENTO

Trento, basta nonni vigile all'uscita da scuola

L'amministrazione affiderà il servizio ad enti di volontariato

TRENTO. Il Comune di Trento ha deciso di affidare il servizio di sorveglianza scolastica all'entrata e all'uscita degli alunni, in prossimità delle scuole elementari presenti sul territorio comunale, ad enti di volontariato sociale e di promozione sociale. Lo annuncia l'amministrazione.

Il servizio, in passato garantito dai "nonni vigile", mira a tutelare la sicurezza dei bambini, facilitando l'attraversamento della strada lungo il tragitto verso la scuola. Entro il 31 agosto il Comune individuerà le associazioni che saranno incaricate del presidio delle postazioni.

Costituiscono criteri di precedenza nell'assegnazione dell'incarico lo svolgimento dell'attività da parte dell'associazione sul territorio della circoscrizione in cui ha sede la postazione da presidiare e la tempistica di presentazione della richiesta.

Il servizio di vigilanza scolastica è svolto per l'intero anno scolastico, con presenza giornaliera, per cinque giorni a settimana, da un volontario per ciascuna postazione nelle seguenti fasce orarie: in entrata almeno 25 minuti prima dell'inizio delle lezioni ed almeno 5 minuti dopo l'inizio delle lezioni, in uscita almeno 5 minuti prima della fine delle lezioni ed almeno 20 minuti dopo la fine delle lezioni.

Per ogni presenza (entrata o uscita) è riconosciuto un importo forfettario pari a 4 euro, erogato all'associazione a copertura delle spese di trasporto, segreteria e organizzazione.