solidarietà

Miss Italia inaugura la "24 ore di nuoto"

L’evento è promosso da Avis, Admo e Aido e dedicato a Silvano Danieli

TRENTO. Miss Italia grande protagonista della 24 ore di nuoto organizzata Avis, Admo, Aido assieme ad Associazione nuotatori trentini, iniziata ieri alle 19 alla piscina di Gardolo. Alice Rachele Arlanch ha nuotato per le prime due vasche di questa “staffetta della solidarietà” dando il via alla manifestazione che si concluderà alle 19 di oggi.

Le tre associazioni sono fortemente accomunate dalla cultura del “dono” solidale, volontario, gratuito, anonimo e responsabile. E c’è sempre bisogno di questo dono, sia che si tratti di sangue, che di midollo osseo o di organi.

La nona edizione della 24 ore di nuoto è stata dedicata a Silvano Danieli, in suo onore e memoria, quale pietra miliare del nuoto fino alla sua scomparsa di poco tempo fa. “Silvan”, come veniva chiamato nell’ambiente trentino per evidenziare il suo essere “magico” nella disciplina, era stato più volte campione mondiale da giovane fino anche nel 2012 a Riccione, dove vinse i 50 e 100 rana e i 100 farfalla nella categoria Master85, dopo che già nel 2000 aveva festeggiato il suo 73° compleanno vincendo il titolo mondiale a Monaco di Baviera, con il tifo ed applausi anche di Mark Spitz.

Ma le medaglie e i titoli personali non erano il punto di arrivo per Silvano Danieli: per il movimento trentino è stato un vero e proprio traino, coinvolgendo ed allenando diverse generazioni di giovani nuotatori, appassionandoli alla disciplina, mentre per il movimento nazionale è stato un emblema del settore Master, nato sotto le bracciate di atleti come Silvano Danieli.