La storia di Amabile: prima vacanza al mare, a 91 anni

La signora di Tassè di Rabbi è ospite della struttura per anziani di Malé. E (con lo staff) è andata in ferie a Cesenatico: «Ma i boschi mi piacciono di più»

di Eva Polli

RABBI. Amabile Magnoni, 91 anni, di Tassè di Rabbi è al settimo cielo: motivo di tanta felicità? È che l’anziana il mare dal vivo l’ha visto quest’anno per la prima volta. Grazie al Centro Servizi che ha organizzato il soggiorno, Amabile, prima protagonista vittoriosa ai giochi dell’anziano, si è poi anche lasciata andare alla carezza dell’acqua e della sabbia di Cesenatico sulla pelle e al piacere delle passeggiate. Tutto ciò senza sorpresa, perché, afferma: «La tv e le cartoline in questi anni le vedevo anch’io». Ma anche se è stata un’esperienza bellissima Amabile non tradirà la montagna per il mare: «I miei boschi - dice - offrono in ogni caso molte più opportunità». Pensare, commenta il presidente Giacomoni che Amabile inizialmente non ne voleva sapere di restare. Pochi giorni dopo il suo arrivo si è presentata in ufficio complimentandosi per la bellezza dell’edificio e la qualità dell’offerta (e detto da lei che a servizio ha passato tanti anni fra Lagundo e la Val di Non è ancora più significativo) ma voleva tornare a Tassè. Gli addetti dell’Uvn, la commissione che valuta i punteggi per l’ammissione ai soggiorni, hanno messo tutto l’impegno per convincerla, ma a questo punto forse le iniziative che l’hanno vista protagonista le hanno dato modo di ambientarsi e apprezzare l’opportunità che a casa non avrebbe sicuramente.

A Cesenatico, Amabile Magnoni ha trascorso una settimana in compagnia di altri 10 ospiti: Mario Pignolli, il mago delle rose in rame nonché inventore della notte di fiaba di Riva del Garda, Domenico Rifino, Benito Cicolini, Ettore Dallago, Adriano Tenni, Cesarina Maturi, Giuseppina Andreis, Antonietta Pangrazzi, Maria Zadra, e Ada Socin, di 5 operatori Osa e un’infermiera.

Il soggiorno costa agli ospiti 22 euro al giorno e l’altra metà è a carico del Centro Servizi socio residenziali di Malé che interviene per il costo del personale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA