TRENTO

La Palazzina Liberty torna a vivere tra i libri e il verde

Riapre lunedì la nuova Biblioteca ragazzi con sale divise per l’età dei lettori Un restauro che ridà luce alla struttura e che ospiterà attività e il caffè letterario

TRENTO. In occasione della presentazione della Biblioteca ragazzi alla palazzina Liberty di piazza Dante, il sindaco Alessandro Adreatta ha sottolineato come non si tratti solo di un intervento di riqualificazione ma il secondo di una serie che porterà alla rivitalizzazione di tutta l'area. Quello che ha anticipato la Palazzina Liberty è stato la ristrutturazione dei giardini, seguirà a gennaio l'inaugurazione dell’edificio che tornerà ad essere sede dell'Apt e di un nuovo presidio di Polizia municipale; quindi arriveranno i primi bagni pubblici della città che saranno all'avanguardia. A completare il quadro, l'apertura del “Libercaffè” (50 posti a sedere) per la cui concessione è in corso la procedura di gara, che diventerà un caffè letterario.

Un piccolo gioiello che torna alla città

Lunedì apre la biblioteca, ma presto tutti i servizi della palazzina Liberty (ristrutturata dal Comune) saranno inaugurati. Compreso il nuovo caffè. Leggi l'articolo

Il bar alla pari della terrazza della biblioteca, proporrà una prospettiva del tutto diversa dei giardini di piazza Dante, dall'alto della terrazza, ma anche seduti comodamente al tavolo del bar in un'area verde. I lavori alla palazzina Liberty sono durati tre anni: dal 2012 al 2014 la ristrutturazione e fino a ieri quelli di arredo e trasloco. Complessivamente saranno a disposizione dei ragazzi da 0 a 14 anni, 21mila testi al posto dei 26mila consultabili in via Roma. Si tratta di una riduzione ragionata che è durata un triennio, da quando cioè si sono avute a disposizione le nuove planimetrie che indicavano una minore superficie a disposizione. Subito all'ingresso i due spazi riservati ai più piccoli attrezzati in modo tale che ci possano essere fruibili anche dai genitori. Il pianterreno è diviso in tre parti: una per i testi da 0 a 3 anni, una seconda per quelli da 3 a 7 e poi una sala riservata ai bambini stranieri o meglio bilingue, che rispecchia la realtà dei figli di coppie straniere che oltre all'italiano, conoscono la lingua madre. Nel soppalco, spazio ai testi dagli 8 ai 14 anni, età massima. Il costo dell'opera è stato di 2 milioni e 200mila euro per un investimento a favore dei giovani, come ha sottolineato l'assessore Italo Gilmozzi che presto diventerà un punto di riferimento per tutta la città.

L'assessore Andrea Robol ne ha invece rimarcato il ruolo nell'ambito di un progetto di riqualificazione di tutta la piazza che andrà valutato nel suo complesso. «Nello specifico penso che la biblioteca offra un elevato livello d'accoglienza che insieme alla luminosità, non potrà che favorire la lettura». Il sindaco Andreatta ha sottolineato con orgoglio come la Palazzina Liberty rappresenti un obiettivo realizzato non senza difficoltà, in quanto non si trattava di una semplice ristrutturazione, quanto piuttosto di un restauro di un palazzo d'epoca. E nei prossimi giorni ci saranno i primi appuntamenti che animeranno le nuove biblioteche di Trento. Martedì prossimo nella sala degli affreschi della sede centrale riprenderanno gli incontri #tuttinrete con un appuntamento nel quale si darà spazio ai testi ed ai personaggi trentini in Wikipedia. Giovedì nella sala didattica si potrà prendere parte al laboratorio per contribuire alle voci trentine per l'aggiornamento di Wikipedia e Wikisource in collaborazione con i volontari di Wikimedia Italia. Un'ulteriore conferma di come la biblioteca trentina non voglia essere solo conservazione, ma anche innovazione ed aggiornamento per offrire un servizio senza età. La biblioteca Ragazzi sarà aperta il lunedì e il giovedì dalle 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 18,30. Martedì, mercoledì e venerdì dalle 14.30 alle 18.30. Il sabato orario continuato dalle 8.30 alle 18.30. (d.p.)