IL CASO

L'attacco degli allevatori: poca carne trentina nei nostri ristoranti

Alla Festa di Primavera il responsabile del settore commerciale Stancher invoca "maggiore sensibilità dal mondo della ristorazione"

LE FOTO: gli animali in mostra: i bimbi entusiasti

TRENTO. Dalla Festa di Primavera organizzata dalla Federazione allevatori arriva un appello ai ristoratori affinché utilizzino più carne trentina. C'è una scarsa sensibilità in questo senso, è stato sottolineato. Si è anche ribadita la necessità di un maggior rigore nel rilasciare il marchio "Qualità Trentino".

Dai cavalli alle vacche, dalle caprette ai maiali: porte aperte alla Federazione allevatori

La "Festa di Primavera" ha attirato un gran numero di persone. I bambini incantati dagli animali (foto Panato)

"Ci augureremmo una maggiore sensibilità del mondo della ristorazione vista l’alta e costante qualità della nostra produzione", afferma il responsabile del settore commerciale Fabio Stancher. "Purtroppo, nonostante gli allevamenti trentini da carne siano in grado di assicurare solo il 10% del fabbisogno, facciamo fatica a vendere i nostri prodotti".