Il Fronte Sovranista Italiano a difesa della Costituzione

ROVERETO. E’ arrivato anche in Trentino il Fronte Sovranista Italiano (Fsi) e si è presentato con un volantinaggio in centro schierandosi con il no al referendum del 4 dicembre. Nato ufficialmente il...

ROVERETO. E’ arrivato anche in Trentino il Fronte Sovranista Italiano (Fsi) e si è presentato con un volantinaggio in centro schierandosi con il no al referendum del 4 dicembre. Nato ufficialmente il 5 giugno 2016 il Fsiconta oggi centinaia di iscritti. Il termine Sovranismo è un neologismo che trae origine dal primo articolo della Costituzione, secondo il quale la sovranità appartiene al popolo, e rappresenta infatti l’istanza di riconquista della sovranità politica, economica e fiscale da parte di un popolo (nella fattispecie quello italiano). «Non basta un no al referendum: bisogna tornare - dicono i Sovranisti Giovanni Torller, Matteo Luscia, Federico Monegaglia e Matteo IoriatiGiovanni Torller, Matteo Luscia, Federico Monegaglia e Matteo Ioriati - a perseguire la piena applicazione del dettato costituzionale da parte dello Stato Italiano. La costituzione rappresenta infatti un programma per il progresso e la giustizia sociale, ma è disapplicata da ormai 30 anni. Il protrarsi della crisi economica è connesso alla mancata applicazione dei principi costituzionali da parte di una classe dirigente inetta ed esterofila che ha sacrificato i diritti sociali del popolo italiano sull’altare del feticcio europeo, con effetti che sono oggi visibili agli occhi di tutti. Condizione imprescindibile, dunque, per il nuovo risorgimento dello Stato Italiano è il recesso dai Trattati dell’Unione Europea con il conseguente recupero della sovranità politica, economica e fiscale».