I ciclisti conquistano Trento: «Viva la mobilità pulita» 

Ieri la prima «Festa della bicicletta» in città per incentivare la sostenibilità ha richiamato 500 persone: sicurezza e giochi

di Claudio Libera

TRENTO. La pioggia ha tentato di rovinare la prima edizione di Trento in Bici - Festa della bicicletta, annullata per maltempo il 16 settembre scorso e rinviata a questa domenica. Bolzano, ad esempio, ieri ha dato vita alla 22ma edizione della pedalata alla ri-scoperta della città. Che in piazza Dante ha richiamato circa 500 persone in totale, tra bambini, adolescenti ed adulti, di cui 350 hanno partecipato con la cartina che ha permesso l’acquisizione dei punti verifica nei posti di controllo. La manifestazione, aperta a tutti, è stata così l'occasione per trascorrere un pomeriggio sulle due ruote, alla scoperta degli itinerari che si snodano in città.

Trento ha 64,35 km di piste ciclabili, 40,73 di competenza comunale, il restante della Provincia. Sul territorio di Trento sono disponibili 100 biciclette pubbliche, 65 City bike e 35 a pedalata assistita con 19 ciclostazioni attive che aumenteranno nei prossimi due anni. Piazza Dante è stata punto di partenza e ritrovo finale dei ciclisti, salutati sul palco della Fly Music, dall’assessore comunale Italo Gilmozzi, dall’assessora provinciale Sara Ferrari – giunta in piazza con le Mamme insieme Mattarello - e dall’ingegner Tiziano Bonella del Servizio mobilità del Comune. A tutti l’invito ad un maggior uso delle due ruote, anche elettriche, fruibili con un tessera abbonamento ottenibile in Provincia. Renata Mengarda, ispettore della Polizia Locale, coordinatrice degli uomini che hanno effettuato la scorta ai ciclisti e guidato i bambini alla scoperta delle due ruote in gimkana, ha puntualizzato l’obbligo di rispettare il codice della strada. I partecipanti hanno potuto scegliere tra due proposte di percorso: uno verso nord, con giro di boa al parco di Melta, il secondo che ha attraversato il centro fino al Muse, evitando via Sanseverino “chiusa per partita del Calcio Trento”, per tornare in piazza Dante.

Per incentivare la partecipazione è stata fornita a ciascun partecipante una cartolina per la raccolta di timbri in alcuni punti dislocati lungo il percorso, che hanno dato diritto ad altrettanti biglietti della lotteria a premi della Fiab. Presenti in piazza Dante con stand informativi la Cooperativa Car Sharing, l'associazione PickMeUp, Banca del Tempo Etico, Federazione Italiana Amici della Bicicletta, Apt Trento, Ufficio Politiche Giovanili, Biblioteca comunale, Apop Servizio Opere stradali e ferroviarie della Provincia col Bike sharing E-motion, con prove pratiche e quiz su mobilità, sicurezza stradale e conoscenza della città. Uisp con giochi di strada, la cooperativa Kaleidoscopio coi laboratori a tema ed il Corpo Polizia Locale Ufficio Educazione Stradale, con la gimkana. L'Associazione di Cooperazione Internazionale – Coopi Trentino ha illustrato un progetto di sicurezza alimentare in Ciad.