Gemellaggio a Roverè della Luna

Grazie a Carl Josef riaffiorano i legami con Bamberga

 ROVERE' DELLA LUNA. Roverè della Luna e Bamberga, città della Baviera, unite nel nome di Carl Josef, nato a Roverè della Luna nel 1788 e zio dei garibaldini Narciso, Pilade e Oreste Bronzetti. Carl si era stabilito a Bamberga in Baviera, inserendosi nel contesto sociale e culturale della città e intraprendendo un'importante carriera militare che lo portò ai vertici dell'esercito bavarese. La scoperta è venuta alla luce grazie ad una ricerca condotta dall'architetto Pedri e dal professor Scalia sulla famiglia Bronzetti.  Dopo la visita degli amministratori bavaresi nel paese trentino, il 6 agosto i trentini sono andati in terra tedesca (nella foto). La rappresentanza costituita da Paolo Endrizzi, consigliere del Comune di Roverè della Luna e Giuliano Carli, consigliere della Comunità Rotaliana Königsberg, era accompagnata dal professor Antonio Scalia, dall'architetto Bruno Pedri, da padre Pietro Kaswalder e dal presidente della Cassa rurale, Arrigo Dalpiaz.  «Scopo dell'iniziativa - spiega Endrizzi - è stato anche quello di instaurare una collaborazione con il Comune di Bamberga per dare la possibilità agli studenti di Roverè della Luna di partecipare a stage formativi in lingua tedesca in Baviera». (v.n.)