Ciclabile del Garda, Limone avanti tutta

Già conclusi i lavori di disgaggio, inizia la posa dei blocchi metallici: «Pista pronta per Pasqua»

LIMONE. Nell’attesa che a Roma sia finanziato il progetto milionario “Garda by Bike”, cioè la realizzazione di una pista ciclabile del periplo completo del lago di Garda, l’amministrazione comunale di Limone prosegue nella costruzione, che si concluderà a Pasqua, di questa infrastruttura da capo Reamol, a nord dell’abitato, fino alla località Pescarol, al confine con il Trentino, completando l'attraversamento del proprio territorio. «I lavori erano iniziati a luglio con la prima parte – precisano Franceschino Risatti, il sindaco del paese rivierasco, ed Antonio Martinelli, assessore comunale ai lavori pubblici – che riguardavano la messa in sicurezza, con disgaggi, posa di reti di protezione, paramassi, dei 1.300 metri del futuro percorso interamente a sbalzo lungo la parete rocciosa strapiombante sul Garda. Conclusi questi indispensabili interventi, si passa ora al secondo e conclusivo stralcio con la posa sugli appoggi fissati nella roccia dei blocchi metallici, tutti lunghi sei metri, predisposti da una ditta di Salò, che saranno il calpestio del prossimo percorso ciclabile. La collocazione avverrà dal lago mediante pontoni galleggianti e con l’elicottero in alcuni punti di difficile accesso». Il cantiere è sempre stato sull’acqua onde evitare intralci alla parallela statale gardesana. L’agibilità di questo stupendo e lungo balcone panoramico sul Garda («la pista ciclabile più spettacolare d’Europa» è il commento soddisfatto del sindaco Risatti) avverrà dunque a Pasqua e benchè mancante del collegamento con Riva sarà un’altra attrazione di rilievo, soprattutto, per la marea di ospiti di Limone (le presenze superano annualmente la soglia del milione). La spesa elevata, ma non eccessiva della pista per le “due ruote” è unanimemente ritenuta giustificata dagli amministratori pubblici locali, operatori turistici e cittadini. Il costo complessivo dell’opera ammonta a 7 milioni e 400 mila euro con un finanziamento dell’ex fondo per lo sviluppo dei Comuni di confine. Il rimanente percorso ciclabile nel territorio limonese, da Capo Reamol all’estremità sud, nei pressi del camping Nanzel, era stato ultimato nel maggio 2013 con 1milione e 200 mila euro di spesa a carico di Regione Lombardia e Provincia di Brescia. (a.cad.)