TURISMO

Acqua e relax, ecco le nuove terme di Pozza di Fassa

Lo stabilimento Qc Terme Dolomiti sarà inaugurato a inizio dicembre

di Elisa Salvi

POZZA DI FASSA. Oltre 4 mila metri quadri, disposti su 3 livelli, con piscine, vasche idromassaggio, percorsi kneipp, cascate d’acqua, bagno giapponese, bagni a vapore, saune e biosaune, stanze del sale, aree massaggi e riposo. E’ il nuovo stabilimento gestito da QC Terme Dolomiti, che sarà inaugurato ufficialmente il 14 dicembre a Pozza di Fassa, con probabile apertura al pubblico sin dal 6 dicembre.

Una notizia che farà felici gli amanti del relax e del benessere, ma anche gli sciatori che amano esperienze diverse dalle piste come – ad esempio – l’Aperi-Terme serale. Un esperienza all’insegna della tranquillità, dato anche che l’accesso è riservato ai maggiori di 14 anni.

[[(Video) Terme, il nuovo stabilimento a Pozza di Fassa]]

L’annuncio è arrivato mercoledì a Canazei nella sede dell’Apt, in una presentazione in anteprima alla stampa locale e a Filippo Debertol, Celestino Lasagna e Davide Moser, presidenti delle sezioni fassane dell’Asat, Federica Bieller, responsabile marketing e comunicazione della società dei fratelli Andrea e Saverio Quadro Curzio (famiglia di costruttori), colosso del benessere made in Italy (ma pronti a sbarcare a breve pure a Chamonix e New York), con Alessandro Di Bartolo, direttore operativo del nuovo centro di Pozza.

La società leader del settore ha avviato un importante sodalizio con la locale Fassa Terme s.r.l (costituita nel 2004, proprietaria dei terreni e concessionaria dell’acqua assieme a Terme Dolomia) che, mettendo insieme risorse private e pubbliche, dal 2013 in poi ha ingranato la quinta, tanto da completare un centro di 4.300 metri quadri, su tre livelli, in meno di ventiquattro mesi. «Forti dell’esperienza in località di montagna come Bormio e Pré Saint Didier - ha spiegato Bieller - che hanno fatto il successo di QC Terme, che oggi conta strutture anche in centro a Milano, Torino, Roma e San Pellegrino, abbiamo scelto la Val di Fassa sia perché gli operatori locali credono fortemente in questo progetto, sia per le grandi potenzialità garantite dalle presenze turistiche (oltre 4 milioni nel 2015 ndr)».

Pozza di Fassa, le nuove terme ai piedi delle Dolomiti

Ecco alcuni rendering (e le immagini del cantiere) del nuovo stabilimento termale che sarà inaugurato in dicembre e Pozza di Fassa. Leggi l'articolo

Ha espresso soddisfazione per la collaborazione con un gruppo di grande esperienza Claudio Bernard, presidente di Fassa Terme, mentre Andrea Weiss, direttore dell’Apt di Fassa, ha sottolineato la nuova motivazione di vacanza rappresentata dal centro termale che resterà aperto tutto l’anno, nonché l’importanza di una partnership con QC Terme che apre nuove finestre promozionali per la valle. «Le località di montagna che ospitano le nostre terme, che non sono soggette a meteo, stagione o target (gli accessi riservati agli under 14, vedono un range di clienti tra 25 e 55 anni) hanno visto implementare le presenze di turisti, in particolare in autunno, con picchi assoluti nelle festività di Ognissanti», ha precisato Bieller che in ottobre incontrerà gli albergatori di Fassa per definire collaborazioni e pacchetti ad hoc.

Cresce quindi l’attesa per il centro (prezzo giornaliero 50 euro), in armonia con la sostenibilità dell’ambiente circostante, che si affianca ai trattamenti terapeutici delle già esistenti Terme Dolomia e si propone come polo della balneoterapia con la sorgente di Pozza grazie a piscine, vasche idromassaggio, percorsi kneipp, cascate d’acqua, bagno giapponese, bagni a vapore, saune e biosaune, stanze del sale e aree relax. Spazio viene dato anche ai massaggi e alla gastronomia con diversi quotidiani come il buffet del pranzo e l’Aperiterme serale, un format che ha conquistato la clientela di Quadro Curzio.