Al Mart Sgarbi arriva con Canova 

La nomina della Provincia. Oltre al critico d’arte (che farà il presidente) nominati consiglieri l’ex preside dell’istituto Depero Silvio Cattani e Dalia Macii fondatrice di “Impact Hub Trentino” . Il neopresidente: «Ho tante cose in mente e per il momento non voglio dire nulla se non...»

di Giancarlo Rudari

Rovereto. «Certo che sono contento anche se ne ho due p... piene di dichiarazioni. Sentiamoci lunedì...» Vittorio Sgarbi è sempre Vittorio Sgarbi. Esordisce così alla telefonata per un commento sull’ufficializzazione della sua nomina da parte della Provincia a presidente del Mart. E con lui nel consiglio d’amministrazione siederanno Silvio Cattani già nel cda del Mart dal 2000 al 2010 e già preside-fondatore dell’istituto d’arte Depero, e Dalia Macii fondatrice di “Impact Hub Trentino”. Presidente qualche indicazione sulla prima mostra che vorrà portare al Mar? «A Possagno sono bastati due giorni per la mia nomina alla presidenza della Fondazione Canova a Possango, mentre qui invece... E a proposito di Canova, ora lo posso dire con certezza, visto che qualche anticipazione l’avevo fatta senza avere la conferma della nomina ufficiale, che porterò a Rovereto una mostra sul Canova moderno e contemporaneo per chiudere il cerchio con il Canova e l’antico, mostra che ho allestito al Museo Archeologico di Napoli. Possagno, Napoli e Rovereto: così si chiude il cerchio. Secondo me - afferma Sgarbi - è un’idea bellissima perché mette in relazione tre realtà davvero interessanti. E sa cosa le dico? Che il direttore Maraniello non sta p iù nella pelle e si talmente infervorato che non vedeva l’ora di dare lui la notizia. L’ho tranquillizzato e gli ho spiegato che l’avremmo annunciata in conferenza stampa lunedì... Ma ormai la notizia si è già sparsa e quindi ne riparleremo nella giornata di domani». Ma quanto ci fa attendere, presidente... «E vabbé: a Maraniello l’idea di una mostra su Casanova è talmente piaciuta che l’ho entusiasmato» afferma Sgarbi. E «una convergenza con Maranello è una cosa davvero virtuosa. Lunedì ci vediamo per le presentazioni ma posso dire che intercettare un amico direttore non è da tutti. Lavoriamo in perfetta armonia, questo è fondamentale per fare funzionare il museo. Eppoi se c’è il placet del direttore è fatta... Lunedì alla conferenza stampa di presentazione ho invitato anche la presidente uscente Ilaria Vescovi per ringraziarla del lavoro svolto al Mart...»

I due roveretani nel cda

La Provincia oltre a Sgarbi ha nominato componenti del cda Sivlio Cattani e Dalia Macii, indicata dal Comune di Rovereto. Sia Vittorio Sgarbi che il consigliere Silvio Cattani (in quanto ricoprono od hanno ricoperto incarichi pubblici) non percepiranno alcun compensa per la ricarica ricoperta durante il loro mandato che scadrà con la fine della legislatura provinciale. Le motivazioni della scelta di Vittorio Sgarbi alla presidenza «vanno ricercate nella grande esperienza vantata nel settore museale e artistico, presupposti ritenuti necessari per rilanciare il Mart in una sfida nazionale e internazionale e in un’ottica di promozione territoriale a vantaggio dell’intera provincia» fa sapere la Provincia. Soddisfatto della nomina Silvio Cattani che torna nel cda del Mart dal 2000 al 2010. «Ringrazio della fiducia in un momento importante del rilancio del Mart che ha una doppia anima: organizzazione di mostre e centro di ricerca e documentazione. Dobbiamo ritrovare una nuova vitalità dopo gli anni vincenti dell’epoca Belli. E’ necessario un nuovo rapporto con la città e mi auguro che il Mart sia sentito come suo dalla città ha affermato l’ex preside dell’istituto d’arte Depero e artista conosciuto a livello internazionale. Dalia Macii, antropologa, socia fondatrice di Impact Hub Trentino, si occupa dell’organizzazione di eventi culturali in collaborazione con diverse istituzioni e festival. Specializzata in management culturale, è organizzatrice teatrale e curatrice di progetti ideati sulla base delle esigenze territoriali. Lavora da anni come responsabile organizzativa per la Compagnia Abbondanza Bertoni.