IL CASO

Orso M49, la Lega nazionale per la difesa del cane chiede il sequestro

L'associazione: "Evitare che si consumi un'altra spietata uccisione" (foto da legadelcane.org)

TRENTO. «Come già fatto per i casi precedenti di Daniza e KJ2, ci siamo subito attivati per tentare di proteggere M49 da una triste sorte che sembra essere già scritta, ricorrendo al Tar e annunciando anche la ferma intenzione di arrivare al Consiglio di Stato nella speranza di sancire l'illegittimità di questa ennesima ordinanza provinciale contro il plantigrado. Dopo il rigetto della nostra istanza, e a seguito di questi ultimi sviluppi, ci siamo rivolti anche alla Procura della Repubblica per chiedere il sequestro preventivo di M49 affinché non si consumi un'altra spietata uccisione». Lo afferma in una nota la Lega nazionale per la difesa del cane (Lndc).

«Ancora una volta la Provincia di Trento - sottolinea la Lndc - mostra la più totale insensibilità verso una risorsa inestimabile come la propria fauna e una completa incapacità di gestione della stessa che, nell'ottica miope di questa politica, va solo sterminata anche se non ha mai causato veri danni a nessuno».