IL CASO

Orso M49, l'Enpa: "Non sparategli o denunceremo il carnefice"

La diffida dell'associazione: "La fuga è la prova di come la cattura fosse un errore grossolano".

LEGGI LA NOTIZIA: Evaso nella notte dal Casteller.

  IL VIDEO DELL'ARRIVO DOPO LA CATTURA NELLA NOTTE.  --- 

LE IMMAGINI DEL SOPRALLUOGO: E' fuggito da qui.  -  LE VIDEOINTERVISTE: Fugatti/1: "Avevamo ragione noi a volerlo prendere" - Fugatti/2: "E' sulla Vigolana: previsto l'abbattimento"

LA VICENDA: La Provincia chiede l'autorizzazione alla cattura -  Fugatti firma l'ordinanza: catturatelo - Il braccio di ferro con il ministro Costa - L'appello degli animalisti -  Agricoltori e allevatori in piazza a Trento contro lupo e orso

LE IMMAGINI: La marcia dei trattori: "Io sto con cappuccetto rosso"

TRENTO. «Non sparate a M49. Se l'orso sarà abbattuto, denunceremo il suo carnefice per uccisione di animali, secondo quanto previsto dall'articolo 544 bis del codice penale», lo dichiara Enpa in seguito alla fuga dell'animale dal Casteller e all'ordine di sparare a vista dato dal presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti.

«Se M49 dovesse morire - prosegue Enpa - chiameremo in causa non soltanto gli esecutori materiali ma l'intera catena di comando, Fugatti compreso. Nei giorni passati avevamo già evidenziato come la cattura, di cui al momento non è dato conoscere le modalità, fosse un grossolano errore, dettato più dal clima di terrore creato ad arte che non da una reale emergenza. Questa fuga ne è la riprova».

Al contempo l'Enpa chiede al ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, «di intervenire in prima persona recandosi sul posto con un team di scienziati ed esperti per rimediare all'incompetenza dimostrata dalle autorità provinciali».