IL CASO

Orsa Kj2 abbattuta, gli animalisti accolgono con favore l'indagine della Procura di Trento

"Si faccia finalmente luce su una vicenda per troppi versi oscura"

TRENTO. Le associazioni animaliste del Trentino esprimono soddisfazione a proposito dell'approfondimento di indagine richiesta dal Gip di Trento Marco La Ganga circa l'abbattimento dell'orsa Kj2.

«Saranno ascoltate tutte le persone coinvolte e auspichiamo che si faccia finalmente luce sulla vicenda, per troppi versi oscura. Pare si tratti - si legge in una nota - di decisioni prese nel mese di novembre che daranno avvio a ulteriori 4 mesi per approfondire le ricerche e valutare le nuove investigazioni sul caso».

«Per noi - aggiungono gli animalisti - l'uccisione pianificata dell'orsa Kj2 è stata determinata non da necessità ma da crudeltà, conseguente al preciso ordine di uccidere perché non è stato riconosciuto alcun significato alla vita di un animale, specie di enorme valore come una mamma orsa». «La Provincia di Trento, seguendo i nostri suggerimenti ispirati da indiscusse autorità del mondo scientifico, avrebbe dovuto, semplicemente, informare correttamente residenti e turisti, e non ricorrere a uccisioni ingiustificabili per evidenti, quanto inefficaci, scopi elettorali», conclude la nota firmata da Gaia animali & ambiente, Lac - Lega abolizione caccia onlus, Oipa ITALIA, Salviamo gli orsi della luna.