Mostra permanente in Casa de Gentili in cerca di un nome 

Sanzeno, il Comune ha indetto un concorso di idee  che coinvolgerà tutte le scuole dell’obbligo della val di Non

di Giacomo Eccher

SANZENO. Un nome per l’esposizione permanente che nelle sale di Casa de Gentili vuole raccontare il territorio attraverso un percorso multisensoriale e multimediale. Lo cerca il Comune di Sanzeno che in proposito ha bandito un concorso pubblico di idee aperto a tutte le scuole dell’obbligo della valle di Non con premi per le prime tre classi classificate.

L’obiettivo del concorso – fanno notare in Comune – serve a migliorare la conoscenza quello che il territorio sa offrire anche in termini di servizi e di economia agli ospiti. Già da qualche tempo, infatti, il Comune di Sanzeno, al piano terra di Casa de Gentili, ha realizzato una esposizione permanente che oltre presentare la valle di Non nel suo complesso, ed in particolare la rete sentieristica valligiana, ospita una sezione specificamente dedicata a Sanzeno e alla sua ricchissima storia e preistoria, tra le più significative e documentate dell’intero Arco Alpino.

Lo spazio in questione è stato visitabile per tutta la scorsa estate, grazie anche ai volontari del servizio civile, sulla base di un progetto realizzato dal Comune stesso con ingressi che hanno totalizzato numeri molto significativi che fanno ritenere l’esposizione un veicolo importante anche per una ricaduta turistica sul territorio comunale. Si avverte però l’opportunità di attribuire alla struttura un nome proprio, una identità precisa: strumento fondamentale per la sua conoscibilità. L’amministrazione comunale intende dunque ricorrere allo strumento del concorso di idee, al duplice scopo di coinvolgere la creatività di più persone e pubblicizzare la struttura “casa de Gentili” che si sta sempre più affermando in valle oltre che per essere sede del Centro culturale d’Anaunia, come punto informativo per le migliaia di visitatori che accedono al Santuario di San Romedio la cui via d’accesso transita nei pressi. I premi in palio per le classi che avranno avuto le idee meglio valutate da un’apposita commissione comunale (ancora da costituire) consistono rispettivamente nella visita al Canyon della Novella (1° premio), a Mondo Melinda (2° premio) e alla centrale e diga di Santa Giustina (3° premio).