MONTAGNA

Messner: «Passi chiusi al traffico contro il turismo aggressivo»

La proposta del "re degli Ottomila" per restituire le montagne a ciclisti ed escursionisti

TRENTO. Chiudere i passi dolomitici dalle 10 alle 16, restituendo così le montagne agli escursionisti e ciclisti: lo propone Reinhold Messner per fermare «l'aggressività del turismo».

«Le montagne - dice il Re degli ottomila all'agenzia tedesca Dpa - richiedono silenzio, rallentamento e un paesaggio incontaminato».

Per questo è necessario «canalizzare» il turismo. «Non è ammissibile che in montagna ci sia la stessa aggressività, lo stesso rumore, lo stesso inquinamento atmosferico dei centri urbani», afferma Messner.

«La gente viene da noi dalle città e trova tutto questo, solo ancora peggio. È una follia», ribadisce. Secondo Messner, le Dolomiti necessitano di una «logistica», con una sorta di "turnazione" della chiusura dei passi e una migliore distribuzione del turismo.

«Dove ci sono già impianti di risalita, non si può tornare indietro, mentre nuovi progetti vanno valutati con grande cautela», è convinto, mentre bandire le mountainbike è sbagliato, conclude l'altoatesino.