TRENTO

Maltratta la convivente, Schintu torna in cella

Era già stato arrestato almeno cinque volte per stalking. Ma lei lo difende

TRENTO. I rapporti fra Silvano Schintu e le donne sono spesso problematici. In molte occasioni si sono trasformati in arresti per l’uomo. Come è capitato anche lunedì quando è stato portato dai carabinieri in carcere a Spini con l’accusa di maltrattamento in famiglia. Contro la sua convivente. In precedenza Schintu, 44 anni, sardo di origine, ma trapiantato da anni in Trentino, era stato arrestato almeno cinque volte per stalking e in un’occasione era riuscito nel poco invidiabile record di essere arrestato due volte lo stesso giorno.

Ma lei difende il "suo" Silvano. Dopo l’arresto si è presentata in carcere con dei vestiti per l’uomo chiedendo di poter vedere colui che vorrebbe si trasformasse in suo marito.

Secondo gli accertamenti fatti, Schintu avrebbe avuto un atteggiamento prevaricatore rispetto alla donna. Le avrebbe impedito di uscire liberamente da casa, le avrebbe impedito di avere contatti con i suoi famigliari. L’avrebbe insomma isolata e manipolata. Questo il quadro che è stato ricostruito dall’Arma al quale si aggiunge anche un danno patrimoniale per la donna.