“Note di Natale” parte col botto ed è già al bis 

Parrocchiale di Mezzolombardo stracolma per il debutto della manifestazione della Scuola musicale Gallo. Stasera al teatro S. Pietro tocca al Coro Rigoverticale

di Marco Weber

MEZZOLOMBARDO. L’edizione numero venticinque di Note di Natale è partita con il botto. C’era un sacco di gente, leggasi la chiesa parrocchiale piena, per assistere al primo evento in programma. Tanta la partecipazione emotiva, che la grande musica ben interpretata non può non dare, visibile nell'espressione di uomini e donne di tutte le età che hanno assistito a un programma classico assai impegnativo interpretato magnificamente dall’orchestra “Giovani in Sinfonia” affiancata dal coro “In dulci Jubilo” composto quest'ultimo da alunni ed ex alunni dell'Istituto diocesano di musica sacra di Trento. In programma la Sinfonia n° 8 di Beethoven e il Magnificat per soli, coro e orchestra di Mendelssohn. Scroscianti gli applausi, più che meritati. «Non potevamo iniziare meglio. Una serata come questa ti ripaga di tutto l’impegno e le fatiche», afferma raggiante Claudia Calovi, presidente della Scuola musicale Guido Gallo che ha organizzato l’evento e coordina gli appuntamenti della manifestazione.

L’idea iniziale di Note di Natale - nata nel 1994 all’interno dell’allora direttivo della Banda cittadina di Mezzolombardo, capitanato da Mimma Bridi - fu quella di inserire in un unico manifesto cinque appuntamenti che coinvolgevano direttamente e indirettamente due realtà musicali della borgata: la Banda Cittadina, appunto, e la Corale “San Giovanni”. Primo appuntamento fu il concerto del quintetto di ottoni “Joy Brass Quintet”, seguito dal concerto del coro “Pratum Musicum” e dei gruppi vocali “Alternatim” e “Palestrina”. Seguirono il concerto del quartetto di flauti “Flûtes en vacances” e quelle delle corali polifoniche “San Giovanni” di Mezzolombardo e “Città di Villafranca” assieme al coro “Vigolana”. Concluse la rassegna il “Concerto di Natale” della Banda Cittadina di Mezzolombardo. L’accoglienza da parte della popolazione fu calorosa, da qui la decisione di rendere la manifestazione un appuntamento fisso. Nel tempo la rassegna è diventata sovracomunale, coinvolgendo le amministrazioni comunali di Mezzocorona, San Michele all’Adige, Roveré della Luna, Nave San Rocco e Faedo, nonché tutte le bande presenti in questi comuni, le Pro loco e altre realtà nel campo della musica, del teatro e di altre rappresentazioni natalizie.

Da qualche anno a questa parte la rassegna è coordinata dalla Scuola musicale Guido Gallo. Nata da una costola della banda cittadina di Mezzolombardo, da qualche anno la scuola Gallo agisce in autonomia in tandem con la Scuola musicale Eccher di Cles. Amministrazione comunale di “Note di Natale” capofila è ancora quella di Mezzolombardo, ma ormai il calendario della manifestazione è patrimonio di tutti i sei comuni della Rotaliana. Stasera il secondo appuntamento con il concerto del Coro Rigoverticale di Mezzocorona, alle 20.20 nel teatro San Pietro di Mezzolombardo: la serata è a cura dell’associazione “Educazione per la vita”, presenta Livio Fadanelli.

©RIPRODUZIONE RISERVATA