IL CASO

L'Anpi contro il rocker di estrema destra che fa il tutto esaurito a Brunico

L'austriaco Andreas Gabalier attira 13 mila persone. Ma lo contestano alcune associazioni locali e gruppi giovanili. L'Anpi: "Dare spazio a questi personaggi è un pericolo per la convivenza civile" (kronplatz.com)

BRUNICO. È popolare per un genere lanciato sul mercato, il Volks Rock’n’Roll, e per le simpatie politiche che gli hanno attirato critiche di misoginia, omofobia e neonazismo.

Il concerto dell'austriaco Andreas Gabalier domani a Brunico, in piazza del Mercato a Stegona, che ha già registrato il tutto esaurito, è diventato un caso politico, sollevato da associazioni locali e gruppi giovanili.

«Dare spazio a questi personaggi - insorge Guido Margheri, presidente provinciale Anpi - rappresenta un pericolo per la convivenza civile. Qui non c’entra la libertà di pensiero e di espressione - sottolinea Margheri - qui ci sono in gioco disvalori che mettono in discussione la dignità di persone e gruppi di persone».

I biglietti a circa 60 euro per il concerto di Stegona sono andati, come detto, esauriti. Ci saranno 13 mila persone: si è andati a Stegona, perché le altre piazze non bastavano.

Margheri invoca «maggior vigilanza e attenzione nel verificare cosa si propone».

 La protesta delle associazioni a Brunico, gli adesivi distribuiti contro il concerto sono, sempre per Margheri, «una risposta importante della società a questa deriva. Del resto, da Brunico sono già arrivati segnali contro corrente: centri giovanili e culturali hanno dimostrato di andare in una direzione opposta».