In tre minuti da Fossadei a Malga Cioca 

Pinzolo, rinviata a sabato 23 l’inaugurazione ufficiale del nuovo impianto a sei posti (già in funzione)

di Elena Baiguera Beltrami

PINZOLO. Inizialmente l’inaugurazione ufficiale con le autorità era prevista per domani, ma tutto è stato rinviato a sabato 23 febbraio, causa le imminenti e abbondanti nevicate in quota. Sulle piste di Pinzolo è in funzione il nuovissimo impianto a sei posti con agganciamento automatico “Fossadei – Malga Cioca” (1.760 metri la stazione a monte), che andrà a sostituire la vecchia seggiovia biposto ad attacco fisso costruito nel 1972 dalla ditta Graffer.

Dopo 46 anni di onorato servizio la biposto era considerata un impianto storico di Funivie Pinzolo. Fungeva infatti del collegamento naturale tra la zona di Prà Rodont e la zona di Malga Cioca, da sempre perno della proposta sciistica della ski area di Pinzolo rivolta a bambini, principianti e alle scuole di sci. L’impianto è infatti a servizio delle piste blu, le facili e funge da anello di congiunzione tra i due campi scuola e le piste rosse. La nuova seggiovia è stata realizzata dalla ditta Leitner di Vipiteno, leader mondiale nella costruzione di impianti a fune, ed avrà una lunghezza di 913,29 metri contro i 1.025 metri dell’impianto dismesso. La portata oraria, passerà da 694 persone ora a 1.800 passeggeri all’ora, con un tempo di percorrenza totale intorno ai 3 minuti. Una seggiovia non eccessivamente lunga dunque, ma che andava comunque resa più moderna, più fruibile, più veloce.

Dal punto di vista strutturale, la linea prevede il posizionamento di 7 sostegni, contro i 19 dell’impianto dismesso, con impatto infrastrutturale e paesaggistico decisamente migliorati rispetto all’impianto precedente, ma con una funzionalità triplicata, tanto da rappresentare un forte incentivo per i maestri di sci e in generale per tutto il comparto degli operatori della zona (rifugi, mezzi battipista, addetti al soccorso sulle piste). La nuova stazione a monte, più moderna nella concezione, sostituisce la vecchia stazione. Non sarà previsto un vero e proprio magazzino veicoli e gran parte degli stessi saranno alloggiati negli spazi attinenti alle due stazioni. Adiacente alla stazione sarà presente la cabina di comando in legno, realizzata dalla ditta Ille Case in Legno di Pieve di Bono.

La nuova stazione a valle è stata posizionata a quota 1.484 metri, in prossimità dell’area “Campo scuola”, è stato eliminato il tratto insidioso per i principianti che portava all’arrivo della vecchia stazione. Come per la stazione a monte, adiacente all’impianto sarà realizzata la cabina di comando con un prefabbricato in legno. I colori di entrambe le stazioni sono stati scelti per un inserimento armonioso nell’ambiente circostante e gli stessi colori saranno ripresi per il rivestimento dei sedili. Lo sviluppo dell’impianto è di 913 metri, per una velocità di 5 metri al secondo.