L'INTERVENTO

Danni da maltempo a case private, documentazione semplificata per interventi sotto i 5 mila euro

La Provincia proroga all'1 aprile la scadenza per la presentazione delle domande di indennizzo per tutti i settori

TRENTO. Con un provvedimento approvato oggi dalla giunta provinciale di Trento, su proposta del presidente, Maurizio Fugatti, sono state introdotte novità per quanto riguarda la documentazione tecnica da allegare alle domande di risarcimento per i danni causati dal maltempo ad abitazione ad uso privato.

Si è stabilito infatti che per gli interventi di importo fino a 5.000 euro, Iva compresa, è facoltà del cittadino produrre un preventivo-consuntivo di spesa redatto dalla ditta incaricata e dettagliato nelle voci di costo, anziché il preventivo-consuntivo in forma di computo metrico estimativo redatto da tecnico abilitato. In pratica si può presentare una documentazione semplificata.

In questo modo per danni di lieve entità si agevola il richiedente che nella presentazione della domanda può non ricorre ad un tecnico abilitato evitando di anticipare i relativi costi. Per coloro che avendo già presentato domanda e sostenuto spese tecniche la deliberazione adottata oggi stabilisce che avranno il ristoro integrale di quelle spese.

È stata prorogata all'1 aprile la scadenza per la presentazione delle domande di indennizzo, per tutti i settori. Sono state introdotte inoltre modifiche di dettaglio relative al settore agricoltura e in particolare alle modalità di calcolo dell'importo risarcibile per mancato reddito. Le modifiche sono anche conseguenti alla recente approvazione della variazione di bilancio, che ha meglio definito le zone di intervento agevolato.