SULLA NEVE

Bimba cade dalla seggiovia e si frattura femore e bacino

Brutto incidente a Passo del Tonale. La piccola, 8 anni, ha fatto un volo di diversi metri rovinando sulla pista sottostante. Era col fratello: avrebbero alzato in anticipo la barra poggiapiedi

TRENTO. È caduta dalla seggiovia poco prima dell’arrivo precipitando per 7-8 metri sulla pista sottostante. Un brutto incidente, che è costato a una bimba milanese di 8 anni una frattura di femore e bacino.

Erano passate da poco le 10 e mezza sulle piste del Tonale quando la piccola - che frequentava un corso di sci - stava risalendo sulla seggiovia Serodine, l’impianto principale della parte lombarda del carosello. Era seduta assieme al fratello quando, nei pressi dell’ultimo sostegno, è improvvisamente scivolata giù, restando sulla neve dolorante.

È scattato subito l’allarme ed è stato fatto intervenire l’elicottero del Trentino: i soccorritori l’hanno recuperata con tutte le precauzioni del caso (normalmente per le vittime di traumi si utilizza la tavola spinale) e trasportata al Santa Chiara di Trento per sottoporla ad esami e per le prime cure.

Giacinto Del Pero, ex presidente e ora membro del Cda della società Carosello Tonale spa, è anche maestro di sci della scuola Tonale Presena che opera sul versante trentino: è stato ragguagliato sull’accaduto dai colleghi. «È stato un brutto infortunio. La bambina era con il fratello sulla seggiovia ad agganciamento automatico e sembra che abbiano alzato la barra poggiapiedi e la cupola (per proteggere dal vento) prima dell’arrivo. Tra l’altro in questo impianto entrambi si alzano da soli. Un salto di 7-8 metri: fortunatamente la neve della pista è già molle, perché il versante è al sole, e questo ha attutito in parte l’impatto».